Magasa

Difficoltà
Medio
Durata
4:00
Durata in ore
Distanza
10.6
Distanza in km
Periodo consigliato
Gen
Feb
Mar
Apr
Mag
Giu
Lug
Ago
Set
Ott
Nov
Dec

Il sentiero inizia presso la località Rest dove si trovano i caratteristici fienili di origine austro-ungarica. Una di queste tipiche strutture dai tetti di paglia ospita il Museo Etnografico della Valvestino che racconta la storia e le tradizioni che hanno plasmato il territorio. Pochi metri prima della chiesetta degli Alpini (1210 m slm), l’itinerario segue una stradina cementata (sentiero n. 299) che sale tra i prati in direzione Nord. La salita, a tratti ripida fino al culmine dei prati, è allietata prima dalla vista su altri fienili, poi da monumentali faggi secolari. Oltrepassata Malga Alvezza (1265 m slm), immersa in prati rigogliosi e verdi, si procede fino a raggiungere una curva a gomito dove, trascurando le frecce per Bocca di Cablone e Monte Tombea (eventuale variante più lunga da effettuarsi in MTB), si segue il sentiero n. 267B. La mulattiera sale alternando prati, boschi di abete e faggio, con belle vedute su Magasa e i prati di Denai. Guadato un piccolo torrente, si continua fino oltre il termine del bosco, dove segue una serie di dossi erbosi ed una presa d’acqua raggiunta dall’alto da una strada sterrata. Si segue la strada fino all’evidente bivio, dove si volta a sinistra raggiungendo e superando Malga Tombea (1820 m slm) (questo breve tratto non si può fare con la bike).  Vanto di queste zone è l’omonimo formaggio Tombea ritenuto uno dei migliori prodotti caseari d’alpe e presidio Slow Food. Suo carattere distintivo è il sapore delicato, gradevole, con un retrogusto di vaniglia. Proseguendo con il cammino, sulla destra una vecchia mulattiera militare di arroccamento ci conduce in pochi minuti alla sommità del Monte Tombea (1950 m slm), eccezionale punto panoramico sia verso la Pianura Padana con il Lago di Garda, sia verso le cime più alte dell’Adamello e delle Dolomiti di Brenta. Tutta la zona è di grande interesse botanico per la presenza di flora endemica come la "Saxifraga Tombeanensis". Il ritorno si svolge lungo lo stesso itinerario dell’andata.

Dati percorso
Medio
Lunghezza
10,6 km
Durata
4 h 00 min
Punto più alto
1.950 m
Indicazioni sulla sicurezza

Munirsi di attrezzatura e abbigliamento adatto per escursioni a seconda della stagione. Verificate le previsioni meteo il giorno prima e informatevi in loco se l’itinerario è percorribile. Durante l’escursione restate sui sentieri segnalati, abbiate rispetto del Codice della Strada, dell’ambiente circostante e non abbandonate rifiuti. La percorribilità degli itinerari potrebbe non coincidere necessariamente con le indicazioni riportate che andranno costantemente e puntualmente verificate sul terreno. L’autore declina qualsiasi responsabilità per eventuali incidenti o danni subiti che si dovessero verificare sui tracciati proposti.

Numero di emergenza: 112

Punto di partenza

Magasa, Chiesetta degli Alpini di Cima Rest, 1210 m slm

Mezzi pubblici

Raggiungibile con bus solo fino a Magasa (www.arriva.it), a circa 40 minuti a piedi dalla chiesetta degli Alpini di Cima Rest

Come arrivare

I prati di Rest sono raggiungibili sia da Gargnano (deviazione per Magasa lungo la Gardesana Occidentale SS45bis), sia da Idro (deviazione per Capovalle lungo la SS237). Possibilità di parcheggio di fronte al caratteristico bar-ristorante con tipico tetto in paglia.

Potrebbe interessarti anche...
Scopri i tour correlati
Medio
Tignale
Distanza 10,5 km
Durata 4 h 30 min
Facile
Desenzano del Garda - Lonato del Garda
Distanza 12,0 km
Durata 3 h 00 min
Facile
Polpenazze del Garda - Padenghe sul Garda
Distanza 11,0 km
Durata 3 h 30 min
Medio
Salò
Distanza 11,7 km
Durata 4 h 00 min
Facile
Sirmione
Distanza 9,0 km
Durata 3 h 00 min
Facile
Pozzolengo
Distanza 5,7 km
Durata 1 h 30 min
I nostri main partner